CUSTODIA E SORVEGLIANZA

Futura fornisce, da oltre 15 anni, ad alcune istituzioni pubbliche del Comune di Arezzo personale addetto per la gestione di servizi a diretto contatto con il pubblico, come la portineria e sorveglianza, ruoli oggi nevralgici per la sicurezza, l’efficienza e l’immagine dell’istituzione stessa.

Il nostro personale , formato non solo per lo svolgimento del servizio specifico ma anche per lo svolgimento di servizi a diretto contatto col pubblico , può operare con l’ausilio delle tecnologie informatiche e di controllo a distanza.
Forniamo inoltre servizi di sorveglianza e custodia di edifici, sedi aziendali o di istituzioni pubbliche e di accoglienza, ruolo particolarmente delicato in considerazione delle esigenze di sicurezza delle persone e dei luoghi.
Tutti i servizi sono garantiti da personale selezionato ed affidabile, appositamente formato in modo da essere in grado di assolvere anche mansioni complementari al servizio di portierato e custodia.
La competenza e la preparazione del personale è garantita da un iter formativo che prevede la partecipazione a corsi di formazione sulla sicurezza, primo soccorso e la gestione del rapporto col pubblico. Il servizio può contemplare l’eventuale controllo dei sistemi di sicurezza (antincendio e anti-intrusione) prestando la massima affidabilità e discrezione. Particolare attenzione viene osservata per l’aspetto della sicurezza dei beni e alla tutela da rischi.

CASA-FUTURA.bmpCASA-FUTURA.bmp
CASA-FUTURA.bmpDopo la chiusura del centro di prima accoglienza del Comune di Arezzo ad agosto 2012 , gestito da piu di 15 anni dalla Cooperativa, nel settembre 2012 Futura assieme al comune di Arezzo apre “Casa Futura” .

Una casa di accoglienza per uomini maggiorenni e residenti nel comune di Arezzo con disagio abitativo e lavorativo gestita interamente dalla nostra cooperativa .

Il progetto si pone l’obiettivo di creare, con il sostegno dei Servizi Sociali e gli operatori della Cooperativa Futura, un servizio che offra risposte abitative e nuove strategie in grado di promuovere reali percorsi di inclusione socio-occupazionale a quei soggetti che esprimono forme di disagio e marginalità.

La definizione generale di questo obiettivo appare particolarmente attuale alla luce delle sempre più complesse situazioni di grave difficoltà economica, sociale e culturale nella quali si trovano fasce sempre più crescenti di popolazione che stentano a trovare risposte adeguate nell’ambito dei tradizionali servizi per l’impiego.

Oltre all’accoglienza, il progetto fornirà un servizio di sostegno e accompagnamento attraverso la figura di un “tutor” finalizzato all’inserimento sociale e lavorativo degli utenti così come definito nel progetto individualizzato e condiviso tra la persona, i servizi sociali del territorio e la Cooperativa Futura.

La volontà della Cooperativa, tramite il controllo, la verifica, il monitoraggio, la condivisione degli obbiettivi e la supervisione, è quella di riuscire a creare le condizione per cui, “Casa Futura” raggiunga il culmine della sua funzionalità essendo in grado di gestirsi con il contributo che ciascun membro, grazie al raggiungimento della propria autonomia socio-occupazionale, metterà a disposizione, proprio come avviene in una famiglia, e con questo si possa essere in grado di pagare le spese di gestione della casa.