LA COOPERATIVA

Futura nasce nel 1985 dall'iniziativa di Don Enrico Trabalzini, Presidente del C.E.I.S.. L'esigenza era quella di reinserire socialmente i ragazzi che avevano completato il loro iter terapeutico in Comunità. Venne perciò creato  un soggetto satellite che si diede come scopo statuario il reinserimento lavorativo.

I nostri esordi sono stati caratterizzati dalla presenza di persone provenienti dal mondo della “dipendenza”. Con il tempo la nostra attenzione si è focalizzata anche  sui bisogni emergenti che ci venivano proposti dal tessuto sociale del territorio aretino.  Con l'avvento della legge 381/91 e delle normative regionali in materia di tutela verso le persone svantaggiate e successivamente con la legge 68/99 con la regolamentazione del diritto al lavoro delle persone disabili,  la cooperativa ha voluto e dovuto avviare un processo di innovazione interno, arricchendo l'organizzazione attraverso l'inserimento di nuove figure professionali con l'obiettivo di riuscire a fare Impresa sociale

Nei quasi 30 anni di vita trascorsa ci siamo impegnati a:

  • conciliare la qualità dei servizi e la competitività dei prezzi con la nostra Mission;
  • uscire dalla logica assistenzialista che vede le cooperative sociali come laboratori protetti o terminali per interpretare il ruolo più complesso di attori, di politiche attive per il lavoro;
  • migliorare la nostra impresa nelle capacità gestionali, competenza, radicamento nel territorio, con la consapevolezza di essere parte attiva e fondante di un nuovo modo di fare “Stato Sociale”;
  • creare situazioni di lavoro stabili;
  • limitare il più possibile il ricorso a forme contrattuali a tempo determinato, utilizzandole solo per fare fronte ad aumenti temporanei di attività e sostituzione di lavoratori aventi diritto alla conservazione del posto di lavoro;
  • contrastare l’obsoleta logica d’interpretarci e di volerci come solerti, flessibili e silenziosi gestori di servizi e non come autorevoli interlocutori per implementare la politica sociale del territorio di cui, invece, vogliamo farci carico insieme ad altri soggetti e contribuire alla formazione di una rete sociale.

Negli anni di attività l'ampliamento dei servizi ha determinato la necessità di avvalersi di una struttura organizzativa più efficiente ed orientata alla qualità e alla soddisfazione del cliente: possiede infatti la certificazione di qualità secondo le norme 9001:2008 attivando procedure specifiche per tutti i settori di appartenenza (pulizie, facchinaggio, traslochi, trasporti e custodia, agenzia postale e inserimenti lavorativi).

Il fiore all'occhiello della nostra cooperativa è senz'altro aver certificato le procedure che accompagnano gli inserimenti lavorativi ed aver inserito una figura professionale “Lavoratore Guida” (Tutor) con il compito di affiancare nel lavoro le persone svantaggiate per favorire l’integrazione socio-professionale, sviluppare e consolidare competenze anche residue che siano spendibili nel mercato del lavoro. 

 

Il 22 Luglio 2016 durante l'assemblea straordinaria dei soci della Cooperativa è stata deliberata la modifica della natura societaria che passa da Cooperativa di tipo B a Cooperativa mista.


Statuto